Filippo Neviani

Anno2013
LabelWarner Music
Lingua Italiano
Acquista su iTunes
Da Nek a Filippo Neviani. Dopo 22 anni di carriera solista, 11 album di inediti (il primo è “Nek” del 1992) e oltre 8 milioni di dischi venduti nel mondo, la popstar di Sassuolo ha deciso di usare il proprio nome e cognome per il titolo dell'undicesimo album di studio “Filippo Neviani”, che esce il 16 aprile su etichetta Warner Music.
«È il mio disco più  sentito – spiega Nek – perché concepito fra la nascita di mia figlia Beatrice e la scomparsa di mio padre Cesare, a cui è dedicato l'intero album. Sono io a 41 anni. Un disco come Filippo Neviani era un sogno di mio padre che sono felice di aver realizzato. Saranno contenti anche i fan, che da sempre mi chiamano Filippo e non Nek».
Quattro anni dopo il suo ultimo lavoro di studio, il nuovo album riprende idealmente il titolo del precedente cd “Un'altra direzione” e propone un percorso artistico alternativo: le 10 tracce del cd “Filippo Neviani” sono interamente suonate da Nek con una marcata impronta rock ispirata da band come Red Hot Chili Peppers, Muse, Editors e Kings of Leon.
«Sono rimasto affascinato dall'ascolto di gruppi con una struttura basso-chitarra-batteria, così ho deciso di non utilizzare tastiere e sequenze, anche se risolvono parecchi problemi armonici. Volevo riprodurre sul disco l'essenzialità e la fisicità dei live, quindi in tutte le canzoni ho sfruttato le potenzialità delle chitarre anche per creare i colori sonori delle tastiere. Per la prima volta ho suonato io tutti gli strumenti, perché nessuno meglio di me poteva mettere in forma canzone ciò che avevo in mente. Ci sono tanti musicisti migliori di me, ma nessuno conosce le mie composizioni meglio di me. Parte della magia di un brano si dissolve quando lo spieghi a un esecutore, perché lui filtra naturalmente le tue indicazioni con la sua sensibilità e il risultato è inevitabilmente diverso da ciò che avevi in mente».
Nek si è assunto la responsabilità di suonare in prima persona l'intero album “Filippo Neviani” perché la musica è stata composta per dare un peso specifico alle parole: dalla melodia pop articolata del primo singolo “Congiunzione astrale” (disponibile dal 22 marzo) al rock ruvido del futuro singolo “La metà di niente”. E ancora: le percussioni tribali di “Soltanto te”; l'inciso magnetico e caotico di “Io no mai”; gli echi funky di “Uno come me”; l'arrangiamento up-tempo di “Verrà il tempo”; la slide guitar dall'atmosfera californiana del brano “Il mondo tra le mani”; fino alla batteria sincopata che in “Dentro l'anima” ricrea il battito del cuore di sua figlia Beatrice.
Lo stile musicale dell'album “Filippo Neviani” è riassunto nella traccia “Hey Dio”, che non a caso apre l'ascolto del disco. Il testo di questo brano stimola la riflessione sull'attuale periodo storico. «Laici e credenti come me hanno lo stesso bisogno di trovare risposte in questa realtà culturale e politica sporcata da rabbia latente, declino dei valori e il “mors tua vita mea” come filosofia di vita. È un dialogo con Dio scritto con uno spirito laico, perché questi problemi hanno soluzioni valide universalmente: amore, rispetto per il prossimo e condivisione, perché da soli non bastiamo a noi stessi». L'egoismo e la fragilità umana sono il tema di “Soltanto te”. «La profezia dei Maya sulla fine del mondo ci ha fatto vivere momenti di paura perché non siamo in pace con noi stessi. Abbiamo preso coscienza che al mondo non esistiamo solo noi e dobbiamo comportarci con maggiore altruismo; ma cessato il pericolo siamo tornati alle nostre quotidiane meschinità».
Nel primo singolo “Congiunzione astrale” Filippo esalta «un destino benevolo che regala una favolosa storia d'amore scritta nelle stelle»; mentre nel prossimo singolo “La metà di niente” spiega che «l'amore non si può centellinare o mettere in discussione: deve essere totale, altrimenti è nulla». C'è poi la forza dell'amore nel brano “Uno come me” («La gioiosa sorpresa di un uomo che si credeva immune ai sentimenti e si scopre innamorato») e il desiderio di emozioni sempre più intense in “Dammi di più”, nel quale viene suggerita «una ricerca incessante di nuovi stimoli per mantenere viva e vitale una storia d'amore».
Alla figlia Beatrice, nata il 12 settembre 2010, è dedicata “Dentro l'anima”. «Beatrice è tutto ciò per cui io esisto. È la continuazione di me: la sua nascita ha dato un senso più compiuto alla mia vita». Per Martina, la prima figlia di sua moglie Patrizia (sposata il 2 settembre 2006), ha scritto la canzone “Il mondo tra le mani”. «Ricordo l'emozione del nostro primo incontro: lei mi guardava intimidita e io mi sono commosso, provando un senso di forte responsabilità e il desiderio di mettere il mondo intero nelle sue mani».
Il brano “Io no mai” difende fortemente il valore dell'amicizia. «È un sentimento che merita il massimo rispetto: sincerità e schiettezza non vanno mai calpestate. Una bella e lunga amicizia non può finire con una fredda lettera». Amori e amicizie a volte finiscono per colpa del nostro orgoglio: “Verrà il tempo” è dedicata a una coppia di amici separati. «L'orgoglio è un difetto che ha causato troppe vittime. È fuorviante per la ragione e vincolante per i sentimenti: dobbiamo imparare a ignorarlo».
L'album “Filippo Neviani” è un disco artigianale che offre una chiave di lettura più ampia e più rock del talento senza confini di Nek, che si conferma artista completo nel triplice ruolo di autore, interprete e musicista. «Sono soddisfatto perché sono riuscito a mettere in pratica tutte le idee che avevo in mente. Ho lavorato a “Filippo Neviani” con l'entusiasmo e la gioia di un bambino».

Tracklist di “Filippo Neviani”

HEY DIO “Che c'è bisogno d'amore È tutto quello che so Per un futuro migliore Per tutto quello che ho Per cominciare da capo e ritrovare una coscienza Per fare a pezzi con le parole questa indifferenza... E per sentirmi più vivo io voglio cominciare da qui L'amore è il vero motivo per essere più liberi” Pur essendo io credente, ho scritto una canzone dallo spirito laico dove Dio è un genitore a cui ci rivolgiamo per risolvere i nostri dubbi. Laici e credenti condividono l'urgenza di avere risposte in questo periodo storico-politico-culturale tanto critico e buio, caratterizzato da declino di valori, rabbia latente e uno stile di vita improntato al “mors tua vita mea”. Per come mi è stato insegnato e per come io ho vissuto Dio, la soluzione è una sola: l'amore. Finalmente abbiamo compreso che non bastiamo a noi stessi: abbiamo bisogno di amore incondizionato e unità d'intenti con le altre persone. Dio è il mio punto di riferimento, ma amore e rispetto per il prossimo sono anche importanti concetti laici. Concepito sulla falsariga di “Portatemi Dio” di Vasco Rossi e “Hai un momento Dio?” di Ligabue, questo brano apre l'ascolto dell'album “Filippo Neviani” perché sul fronte musicale rispecchia lo stile dell'intero disco.

CONGIUNZIONE ASTRALE “È per come mi guardavi Per i tuoi silenzi seri Per la voglia che hai di vivere e di lasciarmi fare È per quanto mi hai insegnato Senza averlo mai saputo Per la voglia che hai di ridere e di sdrammatizzare Non siamo mai distanti Insieme andiamo avanti Questo amore non si può fermare È congiunzione astrale... È un'inguaribile mania Saperti solo mia” Il primo singolo è sulla forza universale dell'amore. Un sentimento intenso e indissolubile già scritto nelle stelle, perché il nostro destino è vivere insieme questa straordinaria storia d'amore. È un brano che sento molto mio, anche se è stato scritto dalla coppia Camba-Coro, due autori bravissimi con cui ho avuto una bella condivisione di pensieri. L'arrangiamento è più pop rispetto all'anima rock del disco: la strofa ha una melodia articolata e mai banale.

DENTRO L'ANIMA “Sei la ragione per cui io insisto Una luce accesa nell'oscurità E se ti osservo in fondo già capisco Che da una vita ti aspettavo qua E vederti sorridere è come poesia E la tua convinzione diventa la mia Contro tutto il frastuono dell'ipocrisia Sei la mia fantasia Ogni cosa riuscita” È dedicata a mia figlia Beatrice. L'intro della canzone è scandito dal battito del suo cuore, che ho registrato con il telefonino durante l'ultima ecografia fatta da mia moglie Patrizia. Beatrice è tutto ciò per cui io esisto. È la continuazione di me: la sua nascita ha dato un senso maggiore alla mia esistenza e oggi sono ancora più contento di vivere, perché in lei vedo crescere una parte di me. La musica ha una iniziale atmosfera sincopata data dalla batteria, come se fossi dentro la pancia della madre. L'arrangiamento è diviso fra la dolcezza della strofa e la forza dirompente dell'inciso.

LA METÀ DI NIENTE “Se adesso manchi tu noi non saremo più come eravamo sempre L'amore si fa in due non posso essere io questa metà di niente Non mi parli più non ti sento più non arrivi Poi mi uccidi con la tua distanza E mi lasci senza appartenenza la metà di niente” L'amore non si può discutere e nemmeno centellinare: deve essere vissuto in maniera totale, altrimenti non è autentico amore ma semplicemente un bel modo di annusarsi e provare emozioni insieme. È impossibile dare il massimo se l'altro resta sulla difensiva: è frustrante non ricevere tutto dalla persona che ami incondizionatamente. Se un amore non è totalmente condiviso dalla coppia, uno dei due è la metà di niente. Questa ballad rock con un roccioso muro di chitarre e una batteria semplice ma possente sarà probabilmente il secondo singolo del disco.

SOLTANTO TE “Questo mondo che è da salvare Questo mondo difficile Ora che te ne puoi occupare Non lasciarlo così com'è Quindi smettila di vedere Come il centro di tutto quanto soltanto te” Quando la profezia dei Maya sulla fine del mondo rimbalzava fra giornali, televisioni e siti web, abbiamo vissuto momenti di smarrimento e paura perché non siamo in pace con noi stessi. Improvvisamente abbiamo preso coscienza del nostro egoismo e della nostra fragilità. Abbiamo capito che al mondo non esistiamo solo noi e che avremmo potuto spenderci di più a favore del prossimo. Cessato il pericolo e passata la paura, però, tutto è tornato come prima; invece dovremmo rifletterci quotidianamente. È un brano liberamente ispirato alla struttura delle canzoni dei Muse: la batteria insiste sui timpani per creare un ritmo tribale.

IO NO MAI “Ma dov'è la lealtà di sicuro non qui Non è questo quel vivere da uomini Mi hai negato la possibilità Di difendere ancora questa mia dignità E pensarla così un giorno ti porterà A raccogliere solo la triste realtà Di chi sceglie la via più facile Di ogni scusa possibile” L'amicizia è un sentimento che merita il massimo rispetto: verità e schiettezza non devono mai essere calpestate; a maggior ragione quando ci si conosce da vent'anni. Come la maggior parte delle mie canzoni, anche questa è una storia vera: mi schiero dalla parte di un amico ferito perché da un'altra persona non ha ricevuto il giusto riconoscimento della loro amicizia. Non si può consumare la fine di un lungo rapporto con una fredda mail o lettera. L'arrangiamento ha la pulizia sonora di chitarra acustica, basso e batteria; poi nell'inciso la voce si fa più urlata e la chitarra mostra muscoli rock per dare più vigore al mio sfogo.

UNO COME ME “È inevitabile, inaccettabile che tu sia tutto per uno come me È inconcepibile, inaffrontabile che tu sia amore per uno, uno come me” Accenti funky e il riff di chitarra che diventa melodia per l'inciso caratterizzano questo brano con protagonista un uomo che pensa di essere immune ai sentimenti ed è convinto di avere la propria vita completamente sotto controllo. Invece si ritrovare con gioia a dividere tutto quanto per amore di un'altra persona.

VERRÀ IL TEMPO “Spogliati di tutte le tristezze con un bel sorriso Lascia stare l'ombra d'incertezza quando hai già deciso E sposta l'obiettivo sempre avanti Ci vuole forza soprattutto in quei momenti Perché se guardi meglio oltre il limite di ogni orgoglio C'è di più” L'orgoglio è un limite dell'animo umano che ha causato troppe vittime: è fuorviante per la ragione e vincolante per i sentimenti. Questa canzone è dedicata a una coppia di amici che si è separata dopo molti anni. Bisogna tenere sotto controllo l'orgoglio: ignorarlo e concentrarsi sull'altra persona. Ha sonorità up-tempo con arrangiamenti essenziali e chitarre pensate come colori delle testiere.

DAMMI DI PIÙ “Tu per me sei perfetta non mi fai alcuna fretta Anzi sono io adesso che non voglio solo sesso e poi Sei la mia direzione e la voglia di fare Forse avevo un po' smesso e qualche errore l'ho commesso ma ormai La vita ha senso solo se ci sei” La continua ricerca di nuovi stimoli aiuta a mantenere viva la fiamma di una relazione sentimentale. Una storia d'amore che è pura magia proprio perché vissuta senza tattiche e compromessi, provando ogni giorno a superare i propri limiti. Fare sempre di più e di meglio, rafforza tutti i rapporti umani. Come nella traccia precedente, anche qui ho suonato molte chitarre per riprodurre le parti del Rhodes e dei synth.

IL MONDO TRA LE MANI “Sono pronto a darti Il mondo tra le mani e accontentarti Il viaggio è lungo e poi devi adattarti È vivere Sono pronto a dirti Che è dura stare al passo con questi tempi Ma esiste il modo di essere più contenti Lo scoprirai Lo troverai”  È dedicata a Martina, la figlia di mia moglie Patrizia. Ricordo la sensazione provata la prima volta che l'ho conosciuta: lei mi guardava intimidita e io mi sono commosso. È stata la mia prima grande esperienza affettiva: ho capito che scendeva in campo Filippo e ho subito desiderato di mettere il mondo intero nelle sue mani. Ha un'impronta pop con venature di rock californiano impresse dalla slide guitar.

Crediti

Produced By Filippo Neviani, Alfredo Cerruti, Dado Parisini
Executive Producer & Management Alfredo Cerruti for AC Management srl
Production Assistant Serena Baer
Nek assistant for Neviani Publishing srl Patrizia Vacondio
All songs performed by Nek
Arranged by Filippo Neviani e Dado Parisini
Recorded by Max "MC" Costa at Hukapan studio, Milano (Italy)
Studio assistant Daniele Lanzara
Mastering Antonio Baglio - Nautilus studio, Milano (Italy)
Photo Johnny Buzzerio
Assistant Sonia Yruel
Hair & Make up Armando Sarabia
Stylist Tessa Watson
Artwork Sbatch
Booking Agency Roberto De Luca for Live Nation Italy

Tracklist

  1. 1. Hey Dio Testo
    Hey Dio
    avrei da chiederti anch’io
    cos’è quest’onda di rabbia
    che poi diventa follia
    e c’è da stare nascosti
    per evitare la scia
    di questo tempo che ormai
    è il risultato di noi

    Hey Dio
    vorrei sapere anche io
    se questo mondo malato
    può ancora essere mio
    e se il domani che arriva
    è molto peggio anche di così
    ma in fondo sai cosa c’è
    hai ragione sempre te

    Che c’è bisogno d’amore
    è tutto quello che so
    per un futuro migliore
    per tutto quello che ho
    per cominciare da capo e ritrovare una coscienza
    per fare a pezzi con le parole questa indifferenza

    Hey Dio
    permettimi di dire che qui
    è solo l’odio che fa notizia
    in ogni maledetto Tg
    non c’è più l’ombra di quel rispetto e il fatto
    è che sembra andar bene così
    ma in fondo sai cosa c’è
    hai ragione sempre te

    Che c’è bisogno d’amore
    è tutto quello che so
    per un futuro migliore
    per tutto quello che ho
    per cominciare da capo e ritrovare una coscienza
    per fare a pezzi con le parole questa indifferenza

    E dopo tutto lo sai
    che sono quello di sempre
    che non potrei stare fermo mai
    davanti a un mucchio di niente
    e in qualche angolo c’è
    chi la pensa come me

    Che c’è bisogno d’amore
    è tutto quello che so
    e un futuro migliore
    per ogni cosa che ho
    e per sentirmi più vivo io voglio cominciare da qui
    l’amore è il vero motivo per essere più liberi
  2. 2. Congiunzione Astrale Video
    Testo
    Non è mai com’era ieri
    cambia il senso cambiano i pensieri
    e ti sembra tutto da rifare

    Sbagli se ti guardi indietro
    punta avanti anche se è mezzo metro
    c’è sempre una strada per viaggiare

    E' un’inguaribile follia
    saperti solo mia

    E’ per come mi guardavi
    per i tuoi silenzi seri
    per la voglia che hai di vivere e di lasciarmi fare
    è per quanto mi hai insegnato
    senza averlo mai saputo
    per la voglia che hai di ridere e di sdrammatizzare
    non siamo mai distanti
    insieme andiamo avanti
    questo amore non si può fermare
    è congiunzione astrale

    Non è mai com’era ieri
    ma se inchiodo nei miei desideri
    e mi sembra tutto naturale

    E' un’inguaribile mania
    saperti solo mia

    E’ per come mi guardavi
    per i tuoi silenzi seri
    per la voglia che hai di vivere e di lasciarmi fare
    è per quanto mi hai insegnato
    senza averlo mai saputo
    per la voglia che hai di ridere e di sdrammatizzare
    non siamo mai distanti
    e insieme andiamo avanti
    questo amore non si può fermare
    è congiunzione astrale…

    E’ per quanto mi hai insegnato
    senza averlo mai saputo
    per la voglia che hai di ridere e di sdrammatizzare
    come mi piace amarti
    e insieme andiamo avanti
    questo amore è un segno universale
    è congiunzione astrale
  3. 3. Dentro l'anima Testo
    Sei tutto quello per cui io esisto
    sei l'equilibrio nei pensieri miei
    il senso per cui faccio tutto questo
    e la risposta a quello che vorrei
    sussurrandoti piano che non c’è un perché
    tutto sembra diverso e lo so che cos’è
    mi sorprende ma io l’orizzonte lo vedo già

    E nel tuo sguardo incrocio la mia via
    come se già sapessi dove sei
    nel tuo sognare nella tua ironia
    e in tutto quello che ogni giorno vuoi
    camminando mi accorgo che senza di te
    la mia vita sarebbe abitudine
    condannato a una fine probabile
    e poi dalla corrente portato via

    Voglio entrarti dentro l’anima
    e che sia con questa musica
    per lasciarti l’impronta di un segno che non va più via
    e sapere di restare
    indelebile come nessuno ha mai fatto con te

    Sei la ragione per cui io insisto
    una luce accesa nell’oscurità
    e se ti osservo in fondo già capisco
    che da una vita ti aspettavo qua
    e vederti sorridere è come poesia
    e la tua convinzione diventa la mia
    contro tutto il frastuono dell’ipocrisia
    sei la mia fantasia
    ogni cosa riuscita

    Voglio entrarti dentro l’anima
    e che sia con questa musica
    fino ad essere il senso che dai a ogni cosa che fai
    e sei sangue del mio sangue
    e poi io non lo immagino un mondo al di fuori di te

    Ho lasciato che tutto arrivasse così
    da quel battito che mi ha parlato di noi da qui

    Voglio entrarti dentro l’anima
    voglio farlo con la musica
    per lasciarti l’impronta di un segno che non va più via
    sei respiro per cui vivo
    e per me non esiste altro mondo al di fuori di te
  4. 4. La metà di niente Testo
    Che cosa stai aspettando
    non vedi sono qui
    basterebbe un solo passo per raggiungermi
    non è così lontano
    il punto tra di noi
    non tocco la tua mano da un’eternità
    e questa cosa non mi va
    come mai
    non hai parole per rispondere
    cosa fai ti fermi

    Se adesso manchi tu noi non saremo più come eravamo sempre
    l'amore si fa in due non posso essere io questa metà di niente
    non mi parli più non ti sento più non arrivi
    poi mi uccidi con la tua distanza
    e mi lasci senza appartenenza la metà di niente

    A cosa stai pensando
    mi dici come stai
    hai ragione sto correndo ma io resto qui e questa volta voglio illudermi
    come mai non hai più voglia di combattere
    cosa fai ti spegni

    Se adesso manchi tu noi non saremo più come eravamo sempre
    l'amore si fa in due non posso essere io questa metà di niente
    non mi parli più non ti sento più non arrivi
    poi mi uccidi con la tua distanza
    e mi lasci senza appartenenza la metà di niente

    Non mi parli più non ti sento più non arrivi
    non mi sfiori più non sorridi più ti nascondi
    e non mi cerchi più io non ti trovo più quando torni avvertimi
    se mi uccidi con la tua distanza
    e mi lasci senza appartenenza la metà di niente
  5. 5. Soltanto te Testo
    Dicono che un giorno questo cielo brucerà
    e quasi d'improvviso l'orizzonte si sposterà
    sarà pure immaginazione
    o la prova che non esisti soltanto te

    Dicono che il mondo in una notte finirà
    e senza un avvertimento la sua luna si spegnerà
    sarà solita suggestione
    ma ti accorgi che non esisti soltanto te

    Usa un po' della tua ragione
    ed è evidente che non esisti soltanto te

    Questo mondo che è da rifare
    questo mondo impossibile
    ora non te ne puoi fregare
    non va bene così com'è
    quindi smettila di pensare
    come al centro dell'universo soltanto te
    quindi smettila di vedere
    come il centro di tutto quanto soltanto te

    Dicono che il sole in un istante sparirà
    e che non ci sarà più spazio neanche per quest'umanità
    non pretendo una soluzione
    ma ti accorgi che non esisti soltanto te

    Basta un po' di immaginazione
    ed è evidente che non esisti soltanto te

    Questo mondo che è da rifare
    questo mondo impossibile
    ora non te ne puoi fregare
    non va bene così com'è
    quindi smettila di pensare
    come al centro dell'universo soltanto te

    Questo mondo che è da salvare
    questo mondo difficile
    ora che te ne puoi occupare
    non lasciarlo così com'è
    quindi smettila di vedere
    come il centro di tutto quanto soltanto te

    Soltanto te….

    Questo mondo che è da rifare
    questo mondo impossibile
    ora non te ne puoi fregare
    non lasciarlo così com'è
    quindi smettila di pensare
    come al centro dell'universo soltanto te te te

    Questo mondo che è da salvare
    questo mondo difficile
    ora che te ne puoi occupare
    non lasciarlo così com'è
    quindi smettila di pensare
    come al centro dell'universo soltanto te

    Quindi smettila di vedere
    come il centro di tutto quanto soltanto te
  6. 6. Io no mai Testo
    Con una lettera mi hai dato l'addio
    e ogni parola ha cancellato l'idea
    di te che ho avuto in tutti questi anni miei
    e solo adesso capisco chi sei

    Pensavo fosse ben diverso tra noi
    e non mi oppongo se è poi quello che vuoi
    però io non ti avrei trattata così

    Lo sai io no io no io no mai………

    Mi hai condannato con la facilità
    di chi con la freddezza decide già
    senza degnarmi di uno sguardo un perché
    sarebbe rimasto il rispetto per te

    Hai fatto a pugni con la mia umanità
    ma poi ha vinto la tua stupidità
    però io non ti avrei trattata così

    Lo sai io no io no io no mai………

    Ma dov'è la lealtà di sicuro non qui
    non è questo quel vivere da uomini
    mi hai negato la possibilità
    di difendere ancora questa mia dignità
    e pensarla così un giorno ti porterà
    a raccogliere solo la triste realtà
    di chi sceglie la via più facile
    di ogni scusa possibile

    Ti lascio alla tua coscienza se c'è
    avrai soltanto indifferenza da me
    però io non ti avrei trattata così

    Lo sai io no io no io no mai………
  7. 7. Uno come me Testo
    Si dice che l’amore da assuefazione
    non puoi durare una vita così
    di questa regola io sono eccezione
    non so abituarmi a quei tuoi occhi che mi dicono si

    E come sempre nasce tutto per gioco
    le grandi cose hanno bisogno di poco
    poi la tua faccia quando fai la sicura
    sai cosa c’è non so più andare via andare via da te

    E’ inevitabile inaccettabile
    che tu sia tutto per uno come me
    è inconcepibile inaffrontabile
    che tu sia amore per uno uno come me

    Vorrei che fosse solamente attrazione
    e invece no c’è in ballo molto di più
    tutti i miei istinti sono in competizione
    io non capisco se sei paradiso o schiavitù

    A questo punto sono fuori controllo
    mi fa paura ma di certo non mollo
    poi l’espressione che fai quando mi parli
    sai cosa c’è non voglio andare via andare via da te

    E’ inevitabile inaccettabile
    che tu sia tutto per uno come me
    è inconcepibile, inaffrontabile
    che tu sia amore per uno, uno come me

    L’apoteosi di una storia perfetta,
    se c’è alchimia non sono uno che aspetta
    so che queste cose non finiscono mai
    e allora adesso lo sai non so più andare via andare via da te

    Sono annientato sono fuori controllo
    mi hai spaventato ma di certo non mollo
    poi la tua faccia quando fai la sicura
    sai cosa c’è non voglio andare via andare via da te

    E’ inevitabile inaccettabile
    che tu sia tutto per uno come me
    è inconcepibile inaffrontabile
    che tu sia amore per uno uno come me
  8. 8. Verrà il tempo Testo
    Vivi con la stessa intensità di quando fai l'amore
    fallo e piano piano sentirai di essere migliore
    e nella frenesia sull'attenti
    tu sbracciati e poi buttati avanti
    e vivi come se stessi guardando sempre in faccia il sole
    cercati uno spazio per esprimerti e lasciarti andare
    e spremere i tuoi giorni fino in fondo
    convinto sempre di spaccare il mondo
    perché se guardi bene oltre il limite di ogni confine
    c'è di più

    E verrà il tempo per farti amare
    e per distrarti e commuoverti
    verrà il tempo ci puoi giurare se credi se credi
    e verrà il tempo di camminare se credi se credi

    Spogliati di tutte le tristezze con un bel sorriso
    lascia stare l'ombra d'incertezza quando hai già deciso
    e sposta l'obiettivo sempre avanti
    ci vuole forza soprattutto in quei momenti
    perché se guardi meglio oltre il limite di ogni orgoglio
    c'è di più

    E verrà il tempo per farti amare
    e per distrarti e commuoverti
    verrà il tempo ci puoi giurare se credi, se credi
    e ancora verrà il tempo di camminare
    a cielo aperto ed immergerti
    in tutto quel che ti fa star bene se credi, se credi

    Così tra la folla passerai
    e più libero sarai
    se ti volti mi intravedi se credi
    e sposta l'obiettivo sempre avanti
    ci vuole forza soprattutto in quei momenti
    perché se guardi bene oltre il limite di ogni confine
    c'è di più

    E verrà il tempo per farti amare
    e per distrarti e commuoverti
    verrà il tempo ci puoi giurare se credi se credi
    e dopo verrà il tempo di camminare
    a cielo aperto ed immergerti
    in tutto quel che ti fa star bene se credi se credi
  9. 9. Dammi di più Testo
    Quando inizia una storia sto sospeso nell'aria
    tutto sembra migliore anche se poi in fondo non lo è
    ci vediamo da poco ma con te io non gioco
    il passato è un errore se decidi di restare e poi
    ti lascerò gli spazi che vorrai

    Io ti curo ma fallo anche tu dammi di più
    non voglio tattiche né scuse tra noi
    e resta qui se puoi

    Tu per me sei perfetta non mi fai alcuna fretta
    anzi sono io adesso che non voglio solo sesso e poi
    sei la mia direzione e la voglia di fare
    forse avevo un po' smesso e qualche errore l'ho commesso ma ormai
    la vita ha senso solo se ci sei

    Io ti curo ma fallo anche tu dammi di più
    non voglio tattiche né scuse tra noi
    e dimmi che sei come me
    e che col tempo poi non mi cambierai
    ti aspetterò io lo farò
    ma se puoi lasciati un po' andare
    e poi cerchiamo un cielo per andarci a vivere
    inventiamo un mondo in cui non programmare mai

    Ma fallo anche tu dammi di più
    non voglio tattiche né scuse tra noi
    e dimmi che sei come me
    e che col tempo poi non mi cambierai
    ti aspetterò io lo farò
    ma se puoi lasciati un po' andare
    e poi cerchiamo un cielo per andarci a vivere
    inventiamo un mondo in cui non programmare mai
  10. 10. Il mondo tra le mani Testo
    C’è sempre un motivo per dire quel che penso
    se vuoi è un modo che ho di spiegarmi
    ogni giorno vivo pensando che c’è un lato
    sincero e sconosciuto da offrirti
    più ti metti in gioco e più è visibile quel che sei
    dentro questi versi tutto scivola
    e non si fermerà
     
    Sono pronto a darti
    il mondo tra le mani e accontentarti
    il viaggio è lungo e poi devi adattarti
    è vivere
    sono pronto a dirti
    che è dura stare al passo con questi tempi
    ma esiste il modo di essere più contenti
    lo scoprirai

    Ma deve partire da te l’inizio di quella strada che percorri vivendo
    Io sarò soltanto la mano che ti spingerà oltre verso il tuo cambiamento
    e nel dubbio di ogni scelta sempre mi ritroverai
    perché io qui rimango per difenderti
    basterà chiedere
     
    Sono pronto a darti
    il mondo tra le mani e accontentarti
    il viaggio è lungo e poi devi adattarti
    è vivere

    Sono pronto a dirti
    che è dura stare al passo con questi tempi
    ma esiste il modo di essere più contenti
    lo scoprirai
    e sarai l’esempio di chi sputa contro
    ogni frase fatta e inutile

    Sono pronto a darti
    il mondo tra le mani e accontentarti
    il viaggio è lungo e poi devi adattarti
    è vivere

    Sono pronto a dirti
    che è dura stare al passo con questi tempi
    ma esiste il modo di essere più contenti
    lo scoprirai
    lo troverai